Sunday, May 29, 2022
Italian (Italy)English (United Kingdom)

Desiderio Consultants Ltd. is a think tank and a network of independent professional international development consultants established to promote and influence customs & trade-related policies in African nations to achieve trade facilitation reforms aimed at improving international and regional trade
Creativity, Commitment to Excellence, Results

The 'restyling' of the "Community law"

The so-called “Community law” is the main implementing tool of the EU Directives in the Italian legal system. It flanks more traditional mechanisms based on the active involvement of the Government in the transposition of such laws, based on a delegation of legislative powers carried out from time to time by the Parliament.

(continues... in Italian)

Le Direttive comunitarie infatti, a differenza dei Regolamenti e delle Decisioni, per assumere efficacia negli Stati membri, necessitano di essere appositamente recepite tramite uno specifico atto normativo o regolamentare di diritto interno.

Oltre alle modalità e tempistiche di recepimento delle direttive comunitarie nell'ordinamento italiano (c.d. fase discendente), la legge comunitaria disciplina anche le modalità di partecipazione del nostro Paese al processo di formazione delle decisioni in ambito UE (c.d. fase ascendente).

Regolamentata per la prima volta dalla legge 9 marzo 1989, n. 86 (c.d. “legge La Pergola”), la legge comunitaria è stata riformata dalla legge 4 febbraio 2005, n. 11 (cd. “legge Buttiglione”), che oltre ad aver innovato la fase ascendente, conferendo nuovi poteri alle Regioni ed agli enti locali in tema di adozione delle norme europee, ha introdotto un iter speciale volto a garantire una maggiore tempestività nell'adempimento di obblighi comunitari particolarmente urgenti.

Lo schema di funzionamento della legge comunitarie è il seguente: ogni anno, entro il 31 gennaio, il Ministro per le Politiche Comunitarie, sulla base degli atti emanati dalle istituzioni comunitarie e della verifica dello stato di conformità dell'ordinamento interno all'ordinamento comunitario, in collaborazione con le amministrazioni interessate e sulla base degli indirizzi espressi dal Parlamento e delle osservazioni delle Regioni, predispone un disegno di legge recante "disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee", il quale è successivamente sottoposto all’approvazione del Parlamento. Normalmente, i tempi di approvazione in Parlamento della legge comunitaria annuale sono alquanto lunghi e spesso determinano notevoli ritardi nell’adeguamento alla normativa comunitaria, con il conseguente avvio di procedure di infrazione da parte della Commissione europea in danno del nostro Paese.

Proprio per evitare questo inconveniente ed adeguare allo stesso tempo la legge comunitaria alle novità introdotte dal Trattato di Lisbona (entrato in vigore lo scorso 1° dicembre), il Governo ha predisposto un disegno di legge di modifica della legge 4 febbraio 2005, n. 11. L’aspetto più importante è rappresentato dal fatto che la nuova disciplina prevede uno sdoppiamento della legge comunitaria annuale in due distinte leggi annuali:

  1. la legge di delegazione europea: da presentare al Parlamento entro il 28 febbraio di ogni anno, che dispone l’insieme delle deleghe legislative ed autorizzazioni necessarie all'attuazione in via regolamentare degli obblighi introdotti dalle nuove Direttive comunitarie;
  2. la legge europea: a carattere eventuale, e da presentare al Parlamento anche disgiuntamente rispetto alla legge di delegazione europea, raccoglie le disposizioni di attuazione diretta dei sopramenzionati obblighi.

Il testo del disegno di legge ora dovrà essere esaminato in Conferenza Unificata, sede congiunta della Conferenza Stato-Regioni e della Conferenza Stato-Città ed autonomie locali, prima di tornare in Consiglio dei Ministri per l'esame definitivo.

Sul sito del Dipartimento per le Politiche Comunitarie della Presidenza del Consiglio dei Ministri è disponibile la scheda tecnica del disegno di legge.


 

Aggiornamento:

La legge comunitaria 2009 è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana Serie Generale n. 146 del 25-06-2010 (Supplemento Ordinario n. 138)

View Danilo Desiderio's profile on LinkedIn

 

Copyright © 2011

Desiderio Consultants Ltd., Mandera Road, Kileleshwa, Nairobi (KENYA)