Giovedì, Novembre 26, 2020
Italian (Italy)English (United Kingdom)

Desiderio Consultants Ltd. è una think tank ed una rete di consulenti internazionali per lo sviluppo indipendenti costituita per promuovere ed influenzare politiche doganali e commerciali nei Paesi Africani, al fine di raggiungere riforme di facilitazione del commercio che favoriscano la crescita degli scambi commerciali a livello internazionale e regionale
Creativity, Commitment to Excellence, Results

Rimborsi siderurgici all’esportazione, riesumata la legge 639/64

There are no translations available.

La Legge 639 del 5 luglio 1964, "Restituzione dei diritti doganali e delle imposizioni indirette interne diverse dall'imposta generale sull'entrata per taluni prodotti industriali esportati", comunemente conosciuta come "Rimborso dazio" o "Rimborso Siderurgico" era stata recentemente abrogata dal D.L. 112 del 25 giugno 2008, convertito in legge n. 133 del 06/08/2008, con decorrenza 22 dicembre 2008 (Vedasi il punto n. 2032 dell’Allegato A).

La legge in questione, promulgata agli inizi degli anni '50 per sostenere le imprese esportatrici italiane di prodotti in ferro, ghisa ed acciaio, era stata sempre stata vista con sospetto dalle istituzioni comunitarie, in quanto le restituzioni che essa dispone erano considerate contrarie al Trattato di Roma. L'Italia si era dunque impegnata ad eliminarle con il suddetto provvedimento.

Ora, nel recentemente approvato D.L. 22 dicembre 2008 n. 200 (in G.U. n. 282 del 22 dicembre 2008), viene espressamente dichiarato (art. 3) che a partire dal 22 dicembre 2008, “Sono soppresse dall'Allegato A del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, le disposizioni elencate nell'Allegato 2”. Fra queste disposizioni compare anche la suddetta l. 639/64.

In attesa della conversione in legge del D.L  n. 200/2008, permane dunque attualmente la possibilità  di richiedere le restituzioni di cui sopra per i prodotti industriali coperti dalla legge 639/64. Requisito per beneficiare del rimborso è che l'esportazione riguardi beni nuovi, fabbricati prevalentemente con ghisa, ferro ed acciaio, i quali abbiano acquisito l'origine non preferenziale italiana. Il rimborso viene determinato per ogni chilogrammo netto di merce esportata, in base alla specifica categoria di prodotto e secondo la relativa aliquota prevista dalla legge medesima e le relative istanze possono essere presentate entro il termine di due anni dall'avvenuta esportazione.

Circolare Agenzia delle Dogane relativa alle restituzioni all'export di prodotti di cui alla l. 639/64

Testo legge 639/1964

View Danilo Desiderio's profile on LinkedIn

 

Copyright © 2011

Desiderio Consultants Ltd., Mandera Road, Kileleshwa, Nairobi (KENYA)