Venerdì, Giugno 18, 2021
Italian (Italy)English (United Kingdom)

Desiderio Consultants Ltd. è una think tank ed una rete di consulenti internazionali per lo sviluppo indipendenti costituita per promuovere ed influenzare politiche doganali e commerciali nei Paesi Africani, al fine di raggiungere riforme di facilitazione del commercio che favoriscano la crescita degli scambi commerciali a livello internazionale e regionale
Creativity, Commitment to Excellence, Results

Dati di sicurezza a partire dal 1° luglio 2009, nota di riepilogo dalla TAXUD

There are no translations available.

La DG TAXUD (Tassazione ed Unione Doganale) della Commissione Europea ha pubblicato una scheda informativa con la sintesi di tutte le novità in materia di dati di sicurezza che a partire dal 1° luglio 2009 occorrerà trasmettere (fino al 31 dicembre 2010 facoltativamente), alle autorità doganali prima dell’arrivo o partenza delle merci in o dal territorio doganale comunitario.

Nel comunicato della DG TAXUD si precisa innanzitutto che per "dati di sicurezza" devono intendersi quell’insieme di dati specificati nell’Allegato 30 bis del Reg. (CE) 2454/1993 (Disposizioni di Applicazione del Codice Doganale Comuinitario). A titolo transitorio, nel periodo che va dal 1° luglio 2009 al 31 dicembre 2010, la presentazione delle dichiarazioni sommarie di ingresso (ENS) e delle dichiarazioni sommarie di uscita (EXS) è facoltativa, il che implica che i suddetti dati sicurezza, a partire dal 1° luglio 2009 saranno richiesti - e dovranno pertanto essere inclusi - solo per le dichiarazioni di esportazione. A partire da tale data quindi, non vi è alcun obbligo di presentare una pre-dichiarazione prima dell’uscita delle merci contenente i dati di sicurezza, ma è necessario che tali dati vengano inclusi nella dichiarazione di esportazione (vedasi in proposito quanto disposto dal Regolamento  (CE) n° 414/2009, che ha introdotto i “dati sicurezza” nelle dichiarazioni doganali di esportazione (vedasi nostro articolo).

Una particolare attenzione va prestata al fatto che a partire dal 1° luglio, i codici EORI identificativi degli operatori attribuiti a livello nazionale dovranno essere resi disponibili ed accessibili a livello comunitario (EORI). Si ricorda infatti che l’allegato 37 delle DAC (Nota d’uso del Documento Amministrativo Unico) prevede che in alcuni casi nella dichiarazione in dogana deve essere indicato un numero che identifica la persona interessata. Tali codifiche pertanto, attualmente in fase di armonizzazione secondo le specifiche del Regolamento (CE) n. 312/2009 della Commissione  del 16 aprile 2009 (vedasi nostro articolo), saranno presto disponibili nella banca dati EORI (n fase di creazione), che sarà collocata nell’area del sito della Commissione europea  dedicata ai “Database on line”.

View Danilo Desiderio's profile on LinkedIn

 

Copyright © 2011

Desiderio Consultants Ltd., Mandera Road, Kileleshwa, Nairobi (KENYA)