Monday, December 16, 2019
Italian (Italy)English (United Kingdom)

Desiderio Consultants Ltd. is a think tank and a network of independent professional international development consultants established to promote and influence customs & trade-related policies in African nations to achieve trade facilitation reforms aimed at improving international and regional trade
Creativity, Commitment to Excellence, Results

Domanda: abbiamo sentito parlare della possibilità di pagare i diritti doganali mediante bonifico, esiste concretamente questa possibilità?


Risposta: L'art. 77, comma 2 del TULD, come modificato dall'art. 4, comma 2-bis, del decreto legge 13 maggio 1991, n. 151 (convertito in legge 12 luglio 1991, n. 202), prevede  che il pagamento o deposito dei diritti doganali possa avvenire mediante:

  1. accreditamenti in conto corrente postale, nei limiti di importo stabiliti dall'Amministrazione postale;
  2. vaglia cambiari della Banca d'Italia, del banco di Napoli e del banco di Sicilia, assegni circolari o assegni bancari a copertura garantita, nonchè mediante assegni bancari emessi da istituti e da aziende di credito;
  3. bonifico bancario con valuta fissa.

Per consentire quest'ultima modalità di pagamento, la legge 24 dicembre 2007, n. 244, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato per l'anno 2008, all'art. 1, comma 119, ha autorizzato l'apertura di un’apposita contabilità speciale, presso la Banca d’Italia (Tesoreria dello Stato), su cui devono affluire le somme versate dagli operatori mediante bonifico, le quali devono poi essere riversate all’Erario o agli altri enti beneficiari di tali somme secondo le modalità previste da un decreto del capo del Dipartimento per le politiche fiscali del Ministero dell'economia e delle finanze.

Quest'ultimo decreto è stato adottato il 5 febbraio 2010, ed ha disposto che gli importi versati mediante bonifico bancario o postale a titolo di pagamento o di deposito dei diritti doganali o delle altre somme la cui riscossione è demandata agli uffici doganali, dopo essere affluiti nell’apposita contabilità speciale istituita presso la Tesoreria dello Stato vengono prelevati dall'Agenzia delle dogane, a giorni alterni, per il contestuale versamento ai pertinenti capitoli di entrata del bilancio dello Stato o il riversamento agli altri enti beneficiari.

Le istruzioni operative ai soggetti che intendono usufruire della modalità di pagamento dei diritti doganali tramite bonifico saranno adottate mediante un provvedimento dell'Agenzia delle dogane adottato d’intesa con il Dipartimento della ragioneria generale dello Stato e sentita la Banca d'Italia. Allo stato attuale tale provvedimento non risulta adottato, per cui il pagamento in oggetto non è ancora attivo.

___________

Aggiornamento:

Per gli ultimi sviluppi sull'argomento, leggasi l'articolo pubblicato sul "Doganalista"

View Danilo Desiderio's profile on LinkedIn

 

Copyright © 2011

Desiderio Consultants Ltd., Mandera Road, Kileleshwa, Nairobi (KENYA)