Lunedì, Giugno 17, 2024
Italian (Italy)English (United Kingdom)

Desiderio Consultants Ltd. è una think tank ed una rete di consulenti internazionali per lo sviluppo indipendenti costituita per promuovere ed influenzare politiche doganali e commerciali nei Paesi Africani, al fine di raggiungere riforme di facilitazione del commercio che favoriscano la crescita degli scambi commerciali a livello internazionale e regionale
Creativity, Commitment to Excellence, Results

USA: possibilità di ottenere delle riduzioni daziarie per i capi di abbigliamento importati su stampelle

There are no translations available.

Tradizionalmente, le stampelle (o "grucce") inserite all’interno degli abiti importati negli USA, al pari degli altri materiali ed elementi utilizzati per la loro confezione, sono classificate con la stessa voce tariffaria relativa ai capi di abbigliamento che accompagnano (e come tali, sottoposte allo stesso livello daziario di questi ultimi). Negli ultimi anni tuttavia, le autorità doganali americane hanno riconosciuto, in una serie di interpelli, che le stampelle idonee ad essere riutilizzate possono essere classificate a parte ed assoggettate ad un dazio ridotto del 3% (la corrispondente voce tariffaria è la 3923.90.00:"Articles for the conveyance or packing of goods, of plastics").

Unica condizione per beneficiare di tale trattamento agevolato è che le stampelle in questione siano idonee ad essere utilizzate in appositi programmi di recupero che prevedono la possibilità di riciclarle per poterle riutilizzare commercialmente in più cicli di importazione. Le dogane americane ritengono in genere che le stampelle in plastica con ganci in metallo soddisfino tale condizione, mentre lo stesso trattamento non viene accordato (sebbene non vi sia una regola rigida in proposito) a quelle realizzate totalmente in plastica. Di conseguenza, molte stampelle in plastica con ganci in metallo che accompagnano gli abiti importati negli USA, negli ultimi anni sono state oggetto di classificazione separata nella suddetta voce tariffaria (HTSUS 3923.90.00) quali articoli “in materie plastiche, utilizzati per il trasporto o l'imballaggio”, ed assoggettati a dazio ad valorem del 3%.

In alcuni interpelli più recenti, le dogane americane hanno tuttavia ritenuto che le stampelle in plastica possono essere introdotte in completa esenzione daziaria in quanto “strumenti utilizzati nei traffici internazionali”. Al fine di beneficiare di tale trattamento, esse devono [ai sensi del Capitolo 19 dell’USC all’art. 1322(a) e del Capitolo 19 del CFR, art. 10.41a(a)(1)], essere utilizzate come “elementi di sostegno o di sospensione” aventi una certa “consistenza” ed essere idonee e fatte di materiali adatti a più utilizzazioni ripetute, oltre ad essere “impiegabili in un numero significativo di operazioni internazionali.”

Di conseguenza, allo stato attuale esiste la possibilità di conseguire interessanti risparmi daziari per le stampelle idonee ad essere utilizzate nei suddetti programmi di recupero, dichiarando tali articoli quali “strumenti utilizzati nei traffici internazionali” ed assoggettandoli a dazio zero anziché all’aliquota daziaria del 3% gravante sulle stampelle in plastica.

Per ulteriori informazioni consigliamo di mettervi in contatto con lo studio legale nostro corrispondente negli USA (referente: Arthur W. Bodek), al seguente indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La consultazione delle istanze di interpello adottate dalle autorità doganali americane può essere effettuata qui.

View Danilo Desiderio's profile on LinkedIn

 

Copyright © 2011

Desiderio Consultants Ltd., 46, Rhapta Road, Westlands, Nairobi (KENYA)