Giovedì, Aprile 25, 2024
Italian (Italy)English (United Kingdom)

Desiderio Consultants Ltd. è una think tank ed una rete di consulenti internazionali per lo sviluppo indipendenti costituita per promuovere ed influenzare politiche doganali e commerciali nei Paesi Africani, al fine di raggiungere riforme di facilitazione del commercio che favoriscano la crescita degli scambi commerciali a livello internazionale e regionale
Creativity, Commitment to Excellence, Results

Notizie

Istruzioni alle imprese che intendono importare od esportare per il 2012 sostanze controllate che riducono lo strato di ozono

There are no translations available.

Con la Comunicazione 2011/C 75/05, la Commissione europea informa che le imprese che intendono effettuare nel corso dell’anno 2012 l'importazione o l'esportazione delle sostanze controllate in grado di ridurre lo strato di ozono di cui al Reg. (CE) n. 1005/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio (per ulteriori dettagli vedasi il nostro articolo), e che non sono oggetto di divieto di importazione o di esportazione, dovranno richiede alla Commissione il rilascio di un’apposita licenza, salvo nei casi di transito, stoccaggio temporaneo, regime di deposito doganale o zona franca di cui al regolamento (CE) n. 450/2008. La durata massima della licenza è di 45 giorni.

Leggi tutto...

Migliori pratiche in materia di cooperazione tra dogane e guardie di frontiera

There are no translations available.

Circa 20 anni fa l’UE introduceva il concetto di “gestione integrata delle frontiere esterne”, incluso nelle Conclusioni del Consiglio Europeo di Laeken del 14 e 15 dicembre 2001. Il concetto in questione si fonda sull’idea che la gestione ed il coordinamento efficace del controllo delle frontiere esterne dell’Unione possono rappresentare un elemento fondamentale nella lotta contro il terrorismo, l'immigrazione clandestina e la tratta degli esseri umani.

Leggi tutto...

"Made in" alimentare, lo stop da Bruxelles

There are no translations available.

Come volevasi dimostrare (vedasi il nostro articolo), la risposta della Commissione europea alla nuova legge italiana sull'indicazione obbligatoria di origine sui prodotti alimentari non ha tardato ad arrivare. La reazione, piuttosto irritata, è venuta da ben due Commissari europei (alla Salute ed all'Agricoltura), i quali hanno tenuto a precisare come la legge italiana, al di là del probablile conflitto con la normativa comunitaria (per la quale l'Italia viene invitata a notificare il provvedimento al più presto alla Commissione tramite il servizio TRIS), è inopportuna, soprattutto perchè adottata in un momento in cui sono in corso dei negoziati a livello Comunitario per decidere su questa delicata materia. Leggi l'approfondimento su La Stampa.

Domanda ITV per merci di “un solo tipo” e precisazioni della CGUE

There are no translations available.

Il 15 febbraio 2005 veniva presentata all’amministrazione finanziaria lettone (VID) una richiesta di informazione tariffaria vincolante (ITV) relativa ad una partita di pannelli a cristalli liquidi (LCD) di svariate dimensioni, con classificazione prospettata nella sottovoce 9013 80 20 della nomenclatura combinata (NC). Ritenendo la richiesta non conforme all’art. 6, paragrafo 2 del Reg. 2454/1993 (secondo cui la richiesta d’informazione tariffaria vincolante può riguardare “un solo tipo di merci”), la VID rifiutava di fornire la propria risposta, contestando il fatto che i pannelli a cristalli liquidi cui si riferiva la richiesta presentavano degli elementi di differenziazione (rappresentati dalle loro diverse dimensioni), tali da non consentire di qualificarli come “merci di un solo tipo”. La società istante avrebbe dunque dovuto presentare tante richieste separate in funzione delle diverse caratteristiche delle merci in questione.

Leggi tutto...

"Sportello Unico doganale", meglio tardi che mai

There are no translations available.

Con DPCM 4 novembre 2010, n. 242 (pubblicato in G.U. n. 10 del 4.1.2011) è stata data finalmente attuazione alla disposizione contenuta all'articolo 4, comma 57 della legge 24 dicembre 2003, n. 350, relativa all’istituzione di quello che il legislatore italiano chiama sportello unico doganale, ma che in realtà rappresenta un istituto diverso, denominato "interfaccia unica" o "single window" (per ulteriori approfondimenti si rimanda al nostro articolo). Il single window è un meccanismo che ha per fine la semplificazione delle operazioni di importazione e di esportazione, il quale offre agli operatori la possibilità di presentare, mediante modalità prevalentemente telematiche ad un unico punto di ingresso, tutte le richieste relative all’ottenimento di documentazione necessaria per l’effettuazione di operazioni di import/export per le quali sono competenti una o più amministrazioni (es. certificazioni, autorizzazioni, licenze import ed export, nulla-osta, ecc.).

Leggi tutto...

Altri articoli...

Pagina 121 di 148

121

View Danilo Desiderio's profile on LinkedIn

 

Copyright © 2011

Desiderio Consultants Ltd., 46, Rhapta Road, Westlands, Nairobi (KENYA)